Odontonetwork - Oral Health Care Management
service provider for axa ppp healthcare

Fnomceo: presto una legge contro la violenza sui medici

Direzione Sanitaria di Poliambulatori - FNOMCeO - Odontonetwork Genova

Presentati i primi dati del questionario Fnomceo sulla violenza contro i medici: la metà subisce aggressioni verbali, il 4% violenza fisica.
Mentre il governo lavora a un disegno di legge, parte un corso Fad per conoscere meglio il problema.

A Bari, nell’ambito della Giornata dedicata ai medici vittima di violenza, la Fnomceo ha presentato i primi risultati della survey aperta a tutti gli operatori sanitari italiani. Il 50% degli intervistati ha subito, nell’ultimo anno, aggressioni verbali; il 4% è stato vittima di violenza fisica. Sono questi i primi dati che vengono fuori dall’analisi del questionario messo on line a fine luglio dalla Fnomceo con l’obiettivo di avere numeri aggiornati e completi sul fenomeno della violenza contro i medici. Fenomeno che sta diventando sempre più una vera emergenza di sanità pubblica, tanto da stimolare l’intervento del Governo che, ad agosto, ha presentato un disegno di legge per arginarlo.

«Come medici – ha spiegato Filippo Anelli, presidente Fnomceo – abbiamo chiesto che il reato delle aggressioni contro gli operatori sanitari fosse perseguibile d’ufficio. Questo perché il più delle volte il medico aggredito non denuncia, per vergogna, per rassegnazione, ma anche per paura, se minacciato dagli aggressori che gli intimano il silenzio. Abbiamo notato inoltre, nei progetti di legge presentati, un salto di qualità: per la prima volta, infatti, non si interviene solo modificando il Codice penale, inasprendo le pene e introducendo, per il reato, la procedibilità d’ufficio, ma si pongono in atto soluzioni di tipo strutturale. Il progetto di legge si chiude infatti proponendo che tutte le guardie mediche siano ricollocate in ambiente protetto» ha riferito Anelli.

Intanto, secondo i dati di un’indagine condotta da Federsanità Anci e Fnomceo tra sessanta aziende sanitarie, a dieci anni dalla raccomandazione del Ministero della Salute numero 8 del novembre 2007 “sulla prevenzione degli atti di violenza a danno degli operatori sanitari”, nel 77% delle strutture è stato elaborato un programma di prevenzione specifico per le aggressioni e il 50% ha avviato accordi con forze dell’ordine pubblico o altri soggetti in grado di fornire un supporto per identificare le strategie atte a eliminare o attenuare la violenza nei servizi sanitari.

DentalJournal.it – Maggiori informazioni
fnomceo fnomceo fnomceo fnomceo