Odontonetwork - Oral Health Care Management
service provider for AIG

Consiglio di Stato su Igienisti dentali

L’Associazione degli igienisti dentali precisa i contenuti della sentenza del marzo scorso sullo studio autonomo di igiene e dice: “errate le interpretazioni che stanno girando”
Torna d’attualità la sentenza del Consiglio di Stato che ribadisce che non è consentito ad un igienista dentale aprire uno studio autonomo, ma sono le motivazioni a sostegno della sentenza che potrebbero aprire nuovi scenari.

A riprendere la Sentenza è l’AIDI in una nota inviata ai soci nella quale viene citata una comunicazione (quella con cui la CAO Nazionale via la sentenza ai presidenti provinciali NdR) nella quale viene citato che la sentenza indica come “obbligatoria la compresenza dell’odontoiatra durante l’attività dell’igienista dentale”.

AIDI che ricorda come “il Consiglio di Stato in quel giudizio era stato chiamato ad esprimersi in merito alla apertura di uno studio di igiene dentale e non per altro”.

“Il Collegio giudicante –continua la nota AIDI- attraverso il suo dispositivo di sentenza stabilisce che non è possibile l’apertura di uno studio professionale di igiene dentale, lo stesso non può essere traslata per altre situazioni (vedi la compresenza obbligatoria dell’odontoiatra quando esercita l’igienista), la compresenza citata in sentenza è da riferirsi alla struttura, ovvero, alla possibilità di poter effettuare nella stessa tutte le prestazioni Odontoiatriche e per effetto di ciò ha dato il diniego”.

“La compresenza temporale dell’Odontoiatra negli studi durante l’esercizio professionale dell’igienista dentale non è oggetto della sentenza”, ribadiscono da AIDI.

“Ci attiveremo in tutte le sedi giudiziali e politiche a tutela degli igienisti dentali, citando per danno al decoro della professione chi con le proprie azioni arreca un danno alla stessa ed ai professionisti”, minacciano nella nota il presidente AIDI Antonia Abbinante ed il Segretario AIDPRO Domenico Pignattaro.

Fonte: Odontoiatria33